Mastoplastica additiva

Se  la paziente non è soddisfatta della forma del seno la mastoplastica additiva può essere l’intervento di chirurgia estetica indicato. L’aumento del seno può aumentare la pienezza e la proiezione dei tuoi seni, migliorare l’equilibrio della tua figura, migliorate la vostra immagine e l’autostima.

La mastoplastica additiva comporta l’uso di impianti mammari per donare il volume desiderato alle mammelle o per ripristinare il volume mammario perduto dopo la riduzione del peso o una gravidanza.

L’aumento del seno non è consigliabile quando i seni si presentano molto rilassati. Se invece il rilassamento è lieve, l’intervento potrà essere eseguito con successo sia per aumentare  il volume che per rassodare la forma.

Durante la visita medica la paziente ed il chirurgo dovranno approfondire diversi argomenti come la dimensione e forma delle protesi al seno, i rischi dell’ intervento e le relative complicanze, la durata delle protesi, la posizione anatomica e le vie d’accesso.

Mastoplastica additiva: Prezzi

Il prezzo medio in Italia della mastoplastica additiva è di 6500 euro. Il range in sicurezza della procedura è 4500 – 7500. Sotto il prezzo minimo ci sono forti dubbi sulla qualità della protesi e dell’ intervento in generale. Ovviamente per conoscere il prezzo del proprio intervento è necessario sottoporsi alla visita medica. solo il chirurgo estetico potrà fare il preventivo esatto dopo aver visto la paziente.

Prezzi della mastoplastica additiva a rate

Da qualche hanno e sempre di più le pazienti interessate alla mastoplastica additiva valutano la possibilità di pagare l’intervento rateizzando l’importo. Di norma si cerca di procedere con una dilazione di 36 / 48 mesi per rendere il pagamento della mastoplastica additiva poco pesante per le finanze correnti.

Alcune strutture sanitarie offrono – come attività promozionale – condizioni di finanziamento agevolate. Ad esempio a volte si trovano proposte di pagamento dilazionato a tasso zero.

Mastoplastica additiva detraibile

L’intervento di mastoplastica additiva – avendo come finalità il miglioramento dell’aspetto del seno – non è detraibile. La legge impone che i costi degli interventi a prevalente finalità estetica non possano essere detratti dalle imposte. Quando invece l’inserimento della protesi avviene a seguito di intervento di mastectomia, i costi sono certamente detraibili.

Per informazioni su come avviene l’intervento, clicca qui.