La chirurgia estetica è senz’ombra di dubbio una spesa importante non solo per il passo che si fa ma anche per l’ importo che si va a spendere. In questo senso il pagamento a rate dell’ intervento è più che giustificato vista la natura del bene in oggetto. Mentre potrebbe essere criticabile l’acquisto a rate di un bene di durata breve come ad esempio un viaggio, la chirurgia estetica comporta un cambiamento nel proprio aspetto permanente o per lo meno di lunga durata. Un naso aquilino che disturba l’equilibrio psicologico e l’interazione sociale, una volta operato, porterà benefici per tutta la vita. In conseguenza di ciò, il pagamento a rate è perfettamente coerente con la natura del bene.

Meglio a rate che rischiare il risparmio selvaggio

In periodo di crisi è molto comune vedere pazienti che sono alla ricerca del chirurgo più economico. In questo senso molte persone si rivolgono anche all’ estero dove possono risparmiare anche il 40% del prezzo. Questo atteggiamento è frequente per gli interventi di chirurgia estetica ma assolutamente assente per interventi ritenuti maggiori. Ecco l’errore! Si pensa che con la chirurgia estetica, essendo proprio con finalità estetiche, non si rischi nulla. Nella realtà la chirurgia estetica comporta – come ogni intervento chirurgico – rischi anche molto pesanti che la struttura ed il personale non è all’altezza. Di conseguenza il consiglio è quello di prestare massima attenzione – sia in Italia che all’ estero – con le offerte troppo allettanti che possono nascondere insidie pericolose. Quando si va troppo al risparmio si taglia in sicurezza. Risulta molto più adeguata la scelta di operarsi a rate presso un chirurgo che offra tutte le garanzie del caso.

I tassi d’interesse sono bassi, a rate conviene

In questa fase economica dell’ Europa i tassi d’ interesse sono molto bassi. Cercando con pazienza è possibile trovare finanziamenti molto convenienti che non aumentino sensibilmente l’esborso complessivo del paziente.